12 dicembre 2019

2 minuti

Come posso valutare il rischio di un investimento?
...perché la vita è tutta incentrata su quel rischio, giusto?
Nicholas Flaherty Image

Nicholas Flaherty - Investment Strategist - FWU Invest S.A.

Prima di elaborare un piano di investimento è necessario essere consapevoli del rischio che si sta assumendo. Perché? Se stai effettivamente assumendo più rischi di quanto vorresti, potresti rimanere gravemente deluso nel caso in cui l’investimento desse risultati negativi, mentre se assumi un rischio troppo basso rispetto alle tue aspettative, il tuo rendimento molto probabilmente non sarà all'altezza delle tue attese.

Innanzitutto, come definiamo il rischio nella finanza? In sostanza, lo si può descrivere come incertezza dei risultati: più siamo insicuri del risultato di un investimento, maggiore è il rischio. Quindi, ad esempio, con un titolo di Stato, siamo quasi certi del risultato che possiamo aspettarci dall'investimento in un paio di anni, il che significa che il rischio è minimo.


Tuttavia, quando guardiamo alle azioni, le quali sono più influenzate dal ciclo economico e non sono "sostenute" da un governo, il risultato è molto meno sicuro. Ciò significa che hanno un rischio maggiore. Anche all'interno del mercato azionario, ci sono grandi differenze di rischio. Prendiamo come esempio una grande azienda alimentare, che ha un ampio franchising, è diversificata a livello globale e vende alimenti base di cui la gente ha, in ogni caso, bisogno. Anche se non è sicuro come un titolo di Stato, possiamo essere ragionevolmente certi di ciò che possiamo aspettarci da essa, soprattutto se lo confrontiamo con una start-up. Sì, una start-up potrebbe avere un grande seguito ora, ma, poiché le condizioni di mercato cambiano rapidamente, il risultato è molto meno certo rispetto a quello della società alimentare. Ciò implica anche che il rischio sia notevolmente più elevato.

Quindi come viene calcolato esattamente quest’ultimo? Questa "incertezza" in un investimento viene misurata utilizzando quella che viene chiamata "deviazione standard" dei rendimenti, che è fondamentalmente solo un modo fantasioso di intendere la "volatilità". Indica quanto l'investimento sia stato "deviato" dal suo rendimento medio: più alto è questo numero, più rischioso è l'investimento e viceversa. Per indicare numeri concreti, per il mercato azionario nel suo complesso la volatilità è di circa il 16%, mentre nelle aree più rischiose, come le società tecnologiche cinesi, questa percentuale può andare ben oltre il 40%. Nei mercati obbligazionari, la volatilità è generalmente inferiore al 10% e inferiore al 5% per molti titoli di Stato. In poche parole, più incerto è il risultato atteso dell'investimento, maggiore sarà la volatilità.

 

Per riassumere: prima di intraprendere un investimento, non concentrarti solo sul rendimento, ma tieni d'occhio anche il rischio: osserva la "deviazione standard" dei rendimenti, o "volatilità", che ti darà un'idea del rischio a cui sarai esposto. 

FWU Logo
È ora di mettere da parte i tuoi risparmi? Ti metteremo in contatto con un consulente nella tua zona.
1 2
Avanti