21 aprile 2022

5 minuti

Investimento e polizza vita

Beni rifugio o “safe haven”: come funzionano e quando valutarli come investimento
FWU Expert Corner Logo

FWU - Expert Corner - FWU AG

Sommario
  • Beni rifugio: cosa sono?

  • Quali sono i beni rifugio?

  • Oro, bene rifugio per eccellenza

  • Beni rifugio: quando sono più richiesti

  • Come funzionano i ben rifugio

Qualsiasi investitore che ha necessità di allocare i propri risparmi o che  semplicemente deve trovare un modo più o meno redditizio per impiegare determinate somme di denaro, ha a disposizione varie asset class tra cui scegliere. 

L'obiettivo di chi investe è solitamente quello di accrescere il proprio capitale e per raggiungere questo scopo dovrà optare per un determinato strumento o per un altro, anche in base al proprio profilo di rischio. Uno di questi sono i beni rifugio, noti anche come safe haven.

Cosa sono i beni rifugio

Ci sono delle situazioni particolari in cui, per vari motivi che andremo a spiegare a breve, gli investitori si rivolgono a delle asset class che prendono il nome di beni rifugio. Questi ultimi, altrimenti noti come "safe haven", sono dei beni che si caratterizzano per un valore intrinseco che di fatto è mantenuto nel tempo, anche in contesti particolari in cui altre asset class, solitamente quelle più rischiose, accusano dei deprezzamenti più o meno marcati.

Vantaggi e svantaggi

I beni rifugio, come si può facilmente intuire dal nome, rappresentano una sorta di porto sicuro al quale ci si rivolge per fronteggiare al meglio le turbolenze, siano di natura finanziaria, economica o politica.    

Il vantaggio chiave dei safe haven è quello di avere un valore reale che non solo tende a durare nel tempo, ma anche ad aumentare in particolari momenti, quando la crescente richiesta del mercato ha come effetto quello di far lievitare i prezzi degli stessi. 

E' bene evidenziare però che, di converso, quando il contesto circostante è positivo e non presenta particolari criticità, i beni rifugio offrono solitamente rendimenti molto bassi e in alcuni casi anche negativi.

pexels-tobias-bjørkli-4654546
Quali sono i beni rifugio

La lista dei beni rifugio è alquanto nutrita e comprende asset class con caratteristiche anche molto diverse tra loro, ma tutte legate dal comune denominatore di offrire una protezione del capitale in situazioni di instabilità e crisi

Volendo individuare due macroaree, possiamo parlare da una parte dei beni rifugio materiali o tangibili e dall’altra di quelli intangibili. 

In questa categoria rientrano le materie prime come oro, argento, platino e platino, gli immobili e le opere d'arte. 

Tra i beni rifugio intangibili troviamo i titoli di Stato e le valute.

Oro: il bene rifugio per eccellenza

Apriamo la nostra carrellata con l'oro, considerato il bene rifugio per eccellenza, riscoperto dagli investitori in varie situazioni. 

Si scommette sul “gold”, infatti, quando i mercati azionari sono colpiti da forti vendite, motivo per cui spesso, ma non sempre, c'è una correlazione inversa tra il metallo giallo e le Borse.

Gli investitori, inoltre, tendono ad acquistare oro quando c'è un aumento dell'inflazione, con l'obiettivo di proteggersi proprio dall'incremento dei prezzi. 

L'oro è privo di rendimento, ma l'investimento in questo bene rifugio è realizzato spesso per diversificare il portafoglio. 

Accanto al gold, tra le materie prime che rientrano nella categoria dei beni rifugio troviamo anche i diamanti, l'argento, il platino e il palladio. 

Si tratta di metalli preziosi che hanno un minor valore rispetto all'oro in termini di pregio, ma che seguono sostanzialmente le stesse dinamiche, pur caratterizzandosi per una maggiore volatilità.

I titoli di Stato

Tra i beni rifugio ci sono anche i titoli di Stato, ma non tutti, visto che sono riconosciuti tali solo quelli emessi da Paesi con un rating elevato.

In altre parole ci riferiamo agli Stati che hanno una elevata solidità economica e finanziaria, quindi  che offrono maggiore affidabilità. 

Tra i titoli di Stato solitamente considerati safe haven troviamo il Treasury americano, mentre in Europa è il Bund tedesco il bene rifugio per eccellenza in questa categoria. Il Treasury e il Bund sono emessi da Paesi considerati solidi e per i quali è ritenuto molto basso il rischio di default.

Le valute

Tra le valute solo alcune assurgono al rango di beni rifugio e si tratta in particolare di tre: il dollaro americano, lo yen giapponese e il franco svizzero. 

Queste tre divise sono definite anche "valute forti", perché offrono un rifugio agli investitori in momenti di crisi e incertezza, vista la loro maggiore resistenza alla svalutazione, ma anche in quanto espressione di Paesi solidi e con buoni conti pubblici.   

Il dollaro americano è considerato un bene rifugio in quanto è la divisa della prima economia al mondo ed è inoltre utilizzata sia come riserva di valore, ma anche per la compravendita di materie prime in tutto il mondo. 

Lo yen giapponese è apprezzato per il forte sostegno della Banca Centrale nipponica, mentre la reputazione del franco svizzero beneficia di un'economia robusta che attira capitali da varie parti del mondo.

I beni immobili

Gli immobili sono beni materiali che conservano il proprio valore nel tempo e, spesso, lo vedono aumentare, grazie alla domanda crescente in ambito residenziale. 

In Italia gli investimenti immobiliari sono particolarmente gettonati: la tendenza è quella di possedere almeno un’abitazione di proprietà, fattore che contribuisce a mantenere alta la domanda e, di conseguenza, a far salire i prezzi nel tempo.

pexels-tobias-bjørkli-4738545
Le opere d'arte

Tra i beni rifugio troviamo anche le opere d'arte, includendo in questa categoria anche gli oggetti da collezione. Si tratta di beni tangibili che vedono aumentare il loro valore nel tempo perchè ci sono persone facoltose che, in virtù del loro interesse, sono disposte a investire somme di denaro spesso ingenti pur di accaparrarsi un oggetto di valore storico e più in generale artistico. 

Bitcoin e titoli azionari

Negli ultimi anni, anche alla luce del crescente successo del Bitcoin, si è parlato di questa criptovaluta usando la definizione di "oro digitale". 

In altre parole, questa cryptocurrency è stata inserita nella categoria dei beni rifugio, non solo per un effetto rarità al pari di quello dell'oro, ma anche per la prospettiva di un suo ruolo come riserva di valore, alternativa proprio al gold. 

Non tutti però concordano con una lettura di questo tipo, visto che in più occasioni il Bitcoin ha perso terreno in fasi di avversione al rischio, contrariamente a quanto avvenuto per l'oro.  

Infine, alcuni parlano di beni rifugio anche con riferimento a particolari titoli azionari. 

Si tratta di quelli più difensivi e anticiclici che solitamente si difendono meglio di quelle cicliche nelle fasi di turbolenza dei mercati o durante una recessione economica.

Beni rifugio: in quali situazioni cresce la richiesta?

Come anticipato prima, i beni rifugio sono riscoperti e richiesti dagli investitori in momenti particolari in cui si ha necessità di proteggere il capitale. 

Questo può accadere per vari motivi: quando ad esempio i mercati sono segnati da turbolenze e da forte volatilità, le asset class più gettonate sono quelle dei safe haven. 

I beni rifugio si impongono in presenza di una crisi finanziaria o di una recessione economica, così come in una fase di aumento dell'inflazione e quindi di forte instabilità dei prezzi.

Analogamente, cresce la richiesta di beni rifugio in caso di guerra, per via dell'incertezza politica ed economica generata dalla stessa. 

In occasione di conflitti bellici, si assiste di consueto a forti acquisti di oro, ma lo shopping si concentra anche sulle valute forti, a partire dal dollaro. 

Da evidenziare anche lo switch dall'azionario verso i bond e in particolare in direzione dei titoli di Stato considerati porti sicuri, come i Treasury USA e il Bund tedesco.

Beni rifugio: come funzionano?

Gli investitori, in situazioni di questo tipo liquidano le loro posizioni costruite su asset rischiosi, come ad esempio le azioni, vista la flessione dei prezzi, e si orientano verso lidi più sicuri. 

Si cerca così riparo nei beni rifugio e il crescente investimento negli stessi contribuisce a far lievitare le quotazioni dei vari asset che rientrano in questa categoria. 

I safe haven offrono maggiore tranquillità in occasione di eventi avversi, con la possibilità di assistere in alcuni casi anche a degli apprezzamenti più o meno interessanti. 

Di fatto si è portati a investire in beni rifugio fino a quando l'instabilità resta elevata, mentre nel momento in cui si allentano le tensioni, inizia il deflusso da queste asset class, con un conseguente ritorno verso quelle più rischiose. 

Man mano che gli investitori si allontanano dai safe haven, si assiste ad un deprezzamento del loro valore, secondo dinamiche differenti, ricordando in ogni caso che diversi sono i motivi che influenzano in positivo e in negativo le loro quotazioni.

Beni rifugio: a cosa servono?

Non dimentichiamo che i beni rifugio, oltre ad offrire protezione agli investimenti nelle fasi burrascose dei mercato, sono molto utili, anzi essenziali, nella diversificazione dei portafogli. 

Anche per rispondere a queste esigenze, noi di Forward You abbiamo pensato ad un prodotto che si adatta molto bene alla propensione al rischio di qualsiasi cliente. 

Forward Quant è la polizza vita rivolta davvero a tutti, in quanto offre profili di investimento personalizzati, forte di un portafoglio internazionale che garantisce un'elevata diversificazione. 

Forward Quant, infatti, vanta un menu di investimenti davvero nutrito, con oltre 400.000 asset sul mercato globale, inclusi i beni rifugio, grazie ai quali poter affrontare al meglio qualsiasi scenario.

In sintesi

I beni rifugio sono diversi, ma con caratteristiche chiave in comune: 

  • mantengono il loro valore nel tempo e spesso lo vedo aumentare.

  • proteggono il capitale investito

  • permettono di diversificare un portafoglio.

Lo sapevi che: 

Anche il Bitcoin e alcuni titoli azionari sono considerati dei beni rifugio?

“Il vantaggio chiave dei beni rifugio è l’avere un valore reale che tende ad aumentare in particolari momenti.”



pexels-tobias-bjørkli-4738524